Regione Lombardia

Avviso per scarichi di reflui domestici e assimilati in ambiente (terreno e/o corpi idrici superficiali) Regolamento Regionale n. 6 del 29.03.2019

Pubblicato il 28 aprile 2020 • Ambiente

La Città Metropolitana di Milano con comunicazione prot. n. 13356 del 23.04.2020 ricorda che il Regolamento Regionale n. 6/2019 emanato dalla Regione Lombardia “Disciplina e regimi amministrativi degli scarichi di acque reflue domestiche e di acque reflue urbane, disciplina dei controlli degli scarichi e delle modalità di approvazione dei progetti degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane, in attuazione dell'articolo 52, commi 1, lettere a) e f bis) e 3, nonché dell'art. 55. comma 20, della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 (Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche)” oltre ad aver abrogato il R.R. della Lombardia n. 3/2006 "Disciplina e regime autorizzazione degli scarichi di acque reflue domestiche e di reti fognarie, in attuazione dell’articolo52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre2003, n. 26" impone adeguamenti per gli scarichi rivedendo le tipologie impiantistiche ammissibili, i recapiti preferenziali a seconda delle soglie di carico organico generato e nuovi adempimenti (es.:specifiche da osservare e periodicità di manutenzione degli impianti) e modifica anche i criteri (come la distanza dalla più vicina tratta di pubblica fognatura) in base ai quali uno scarico può essere autorizzato in ambiente, piuttosto che esser soggetto all'obbligo di allacciamento alla rete fognaria.

Pertanto si rammenta l'obbligo della specifica autorizzazione a tale tipi di scarichi che nel caso di utenze:

1) domestiche (autorizzazione settoriale) ha la durata di 4 anni e deve essere richiesto rinnovo un anno prima della scadenza. La domanda di autorizzazione va presentata tramite il portale "inlinea" della Città Metropolitana di Milano 

2) non domestiche ( AUA DPR 59/2013) - imprese che non rientrano in AIA,VIA o altre procedure uniche, ha la durata di 15 anni e il rinnovo va chiesto tramite sei mesi prima della scadenza tramite il portale del SUAP del Comune di Melzo "Impresainungiorno"

3) Altre autorizzazioni uniche (AIA, autorizzazioni per impianti di trattamento rifiuti art. 208 D.Lgs 152/06, autorizzazioni per impianti di produzione energia,VIA ecc.) da valutare caso per caso a seconda delle diverse procedure.

Si rimanda comunque all'attenta lettura della norma in vigore.

Regolamento Regionale n. 6/2019

Allegato 60.00 KB formato pdf
Scarica